.
Annunci online

lucamarani
Studente, giornalista e webmaster, dal 2001 è collaboratore di "BasketNet.it", sito ufficiale in lingua italiana di J&J International Group, e a partire dal 2005 del quotidiano "L'Informazione" di Reggio Emilia. E-mail: lucamarani@tin.it
 
 
 
 
           
       

BLOG personale a cura di LUCA MARANI
__________________________________

Studente, giornalista e webmaster, nasce a Montecchio (RE) nel febbraio del 1985.  Frequenta fino al luglio del 2004 il Liceo Aldo Moro di Reggio Emilia dove consegue il Diploma di maturità scientifica. E' attualmente iscritto alla Facoltà di Scienze della Comunicazione dell'Università di Modena e Reggio Emilia.
__________________________________

Dopo una serie di esperienze minori, nel 2001 intraprende l'attività di cronista sportivo. Dall'ottobre 2001, vale a dire dall'apertura del sito, è collaboratore di BasketNet (basketnet.it), Sito Ufficiale in lingua italiana della "J&J International Group" e primo sito di basket nel panorama web italiano come numero di visitatori. Per BasketNet è primo corrispondente da Reggio Emilia dalla stagione 2001-2002. Nello stesso anno, intrattiene una collaborazione con la Pallacanestro Reggiana.
__________________________________

Nella stagione successiva, 2002-2003, cura la rubrica "Il punto sul campionato di Legadue", pubblicata periodicamente su Basketnet e sul sito ufficiale della Legadue, campionato che vede protagonista la Bipop Reggio Emilia. Sempre per BasketNet segue come inviato le gare interne della Pall. Reggiana nella Champions Cup, competizione europea patrocinata dalla FIBA.
__________________________________

Dal gennaio 2005 collabora per il servizio sportivo de L'Informazione, quotidiano della provincia di Reggio Emilia.
__________________________________

Ha seguito come inviato di BasketNet le Final Eight di Coppa Italia di serie A, disputate a Forlì nel febbraio 2005.

__________________________________

                       Basket sul Web

                  

                   

                    

                

                       Media Partners

                 Molten

            La gazzetta dello Sport

 
24 gennaio 2006

IMMENSO KOBE BRYANT: 81 PUNTI IN 42 MINUTI... HA MOSSO I PRIMI PASSI A REGGIO, I RACCONTI DEGLI AMICI: «ERA UN PREDESTINATO»

24 gennaio 2006

   

«Nemmeno da bambino sarei riuscito a immaginare una performance così». Parole e musica di Kobe Bryant. Un nome destinato ad entrare sempre di più nella leggenda del basket dopo il record messo a segno nella notte tra domenica e lunedì. Contro i Toronto Raptors, infatti, il figlio dell'ex Sidis e Riunite Joe Bryant (a Reggio nelle stagioni 1989/'90 e '90/'91), ha trascinato i suoi Lakers alla vittoria per 122-104, realizzando 81 punti in 42 minuti (per un complessivo 28 su 46 dal campo di cui 7 su 13 da 3 punti, e ben 55 punti tra terzo e ultimo quarto). Un record impressionante, che nella storia del campionato professionistico americano solo l'indimenticato Wilt Chamberlain è riuscito a battere, quando infilò 100 punti nella retina dei Knicks il 2 marzo del 1962. L'impresa, in ogni caso, non ha eguali nel basket moderno e merita di essere commentata partendo da lontano. Da quando, cioè, il piccolo Kobe vestiva la maglia della Pallacanestro Reggiana.
Così lo ricorda il tecnico Andrea Menozzi: «Si vedeva la differenza rispetto ai coetanei - racconta l'attuale responsabile del settore giovanile biancorosso - perchè Kobe aveva un gran possesso di palla, un ottimo tiro da fuori e tanta voglia di emergere. Dal punto di vista della potenza Fisica, però, era difficile aspettarsi una crescita così straordinaria».
Una crescita che non era stata prevista neppure dall'ormai ''leggendaria'' professoressa Sassi: l'insegnante di educazione fisica della scuola media Manzoni di Reggio Emilia che in tempi non sospetti consigliò a Bryant di cambiare sport... Chi era convinto di avere grandi potenzialità nel basket, però, era proprio il piccolo Kobe: «La cosa che mi sorprendeva di lui - racconta Nicola Prandi, compagno nelle giovanili - era la sua mentalità da campione. Ricordo la sua costante voglia di allenarsi, di migliorarsi. Aspetti che lo rendevano speciale e superiore al resto dei coetanei».
A confermare tutto è Christopher Ward, pure lui ex compagno e amico fraterno di Bryant: «Conoscendo bene Kobe mi aspettavo un exploit del genere, fa parte del suo Dna. Dopo un leggero infortunio al ginocchio - svela -, Kobe ci disse che l'avremmo visto Giocare in Nba se quel contrattempo non gliel'avesse impedito. All'epoca tutti scoppiammo a ridere, ma ha avuto ragione lui...».

Luca Marani

pubblicato su L'Informazione di Reggio  
http://www.linformazione.com/archivio/20060124/37_RE2401.pdf
e BasketNet   http://www.basketnet.it/news/?id=61378




permalink | inviato da il 24/1/2006 alle 20:3 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


 

Ultime cose
Il mio profilo



LEGA BASKET A
LEGADUE
PALLACANESTRO REGGIANA
BASKETNET
L'INFORMAZIONE DI REGGIO
GAZZETTA DI REGGIO
RESTO DEL CARLINO
GAZZETTA DELLO SPORT
EUROBASKET
TELEBASKET
DATABASKET
BASKETLAND
ITALBASKET
BASKETGROUND
BASKETTIAMO
WEBBASKET
FLAVIO TRANQUILLO.COM
SPORTAL
RAI SPORT
F.I.B.A.
EUROLEAGUE
ULEB CUP
FANTABASKET



me l'avete letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom

   
sfoglia     dicembre        febbraio